Blog

Latest Industry News

Passeggiate sulle tracce della Via Francigena in Toscana nella Provincia di Siena

 

 Via Francigena toscana

‘La strada’ per eccellenza , dichiarata dal Consiglio d’Europa ‘Grande itinerario culturale, percorsa nei secoli da mercanti e pellegrini, che univa l’Italia alla Francia e al nord Europa .

La Francigena favorì contatti e scambi e decretò l’urbanistica, la storia e la fortuna di città come Siena e San Gimignano .

Durante il Festival Plein Air, ogni domenica mattina, il Centro Guide di Siena offre la possibilità di conoscere e percorrere, accompagnati da guide esperte, i tratti più suggestivi delle 5 tappe che , da San Gimignano a Radicofani, costituiscono i 120 km di Via Francigena nelle Terre di Siena: un assaggio di splendidi percorsi, interamente segnalati e facilmente percorribili, in ogni stagione, a piedi o in bicicletta.
Prenotazioni presso Centro Guide Siena – tel. 0577 43273
Il trekking guidato, interamente gratuito, si effettua con un minimo di due partecipanti . Le prenotazioni dovranno pervenire entro le ore 13.00 del venerdì precedente la visita.
Ecco  la descrizione dei percorsi trekking, sempre facili e accessibili a tutti.

Siena

‘Sulle orme dei pellegrini’ – Passeggiata sulla Via Francigena nella città di Siena

Lunghezza: circa 3,5 km
Durata:circa 3 ore
Percorso facile
Partenza ore 9.30 da Porta Camollia

Siena è stata definita ‘figlia della strada’, data la grande importanza di quella rete stradale che vi passava già in epoca longobarda, divenuta poi nota successivamente con il nome di Via Francigena, attraversata dai tanti pellegrini diretti verso Roma, o che da lì facevano ritorno.

Nel nostro itinerario cercheremo di seguire i passi dei pellegrini che arrivati da Nord varcavano la Porta Camollia per entrare nella città.

Una delle prime soste sarà alla Chiesa di San Pietro alla Magione, sede dell’ordine dei templari dal 1230 e poi passata ai gerosolimitani nel 1322, entrambi ordini religiosi cavallereschi a cui era affidato il compito di ospitare e proteggere i pellegrini lungo il loro viaggio.

Proseguiremo il percorso lungo l’arteria principale della città, passando davanti alla chiesa di San Cristoforo, da sempre patrono dei viaggiatori. Il nostro cammino ci porterà poi verso la cattedrale proprio per Via dei Pellegrini. Davanti al Duomo sorge l’Ospedale del Santa Maria della Scala, che la leggenda vuole fosse stato fondato da un ciabattino di nome Sorore, morto nel 898.

L’ospedale senese fu uno dei più antichi luoghi di ricovero autonomi sorti in Europa, preso ad esempio anche dal duca di Milano Francesco Sforza. Potremo scoprire come si svolgeva la vita quotidianamente all’interno dell’ospedale grazie agli splendidi affreschi quattrocenteschi del Pellegrinaio.
Uscendo dal Santa Maria della Scala attraverseremo la Piazza del Campo, cuore pulsante della città, per poi arrivare alla chiesa di San Leonardo, dove è attestata la presenza dell’ordine gerosolimitano fin dal 1173, il percorso finirà alla Porta Romana a Sud della città, da dove uscivano i pellegrini ormai ristorati pronti a riprendere il loro lungo viaggio.

Monteriggioni

Lunghezza: circa 4 km
Durata: circa 3 ore
Percorso facile ad anello
Partenza ore 9.30 dall’area di sosta camper presso il castello di Monteriggioni

Partendo da Monteriggioni, incantevole borgo medioevale le cui torri furono paragonate a ‘giganti’ da Dante nel XXXI canto dell’Inferno, si percorre la via Francigena in pianura fino a raggiunge il monastero di Abbadia a Isola.

Questo luogo viene menzionato già nel diario di Sigerico, arcivescovo di Canterbury, che fra il 990 e il 994 ha percorso questo itinerario durante il suo viaggio a Roma.
Dopo aver visitato il monastero si fa ritorno a Monteriggioni percorrendo il tratto della via Francigena che passa sulle colline e dal quale si ha uno scorcio panoramico mozzafiato sul castello di Monteriggioni.

S. Gimignano

Lunghezza: circa 4 km
Durata: circa 3 ore
Percorso facile
Partenza ore 9.30 San Gimignano- area di sosta camper sulla strada comunale per il borgo di Santa Lucia

Camminando sulla Via Francigena attraverso boschi, uliveti e campi coltivati si raggiunge dapprima un vecchio mulino poi il borgo medioevale di Montauto. Da qui è possibile ammirare un bellissimo panorama su S.Gimignano.

La passeggiata è incentrata sull’osservazione delle piante commestibili e il ritorno è previsto sullo stesso itinerario.

S. Quirico d’Orcia

Lunghezza: circa 12 km fino a Bagno Vignoni
Durata: circa 5 ore
Percorso facile
Partenza ore 9.30 dall’area di sosta camper Parco Carlo Sorbellini presso S. Quirico d’Orcia

N.B. Chi volesse tornare indietro con un mezzo, per limitare la camminata a 6 km, dovrà provvedere a predisporre un proprio mezzo di trasporto a Bagno Vignoni .
Da S.Quirico d’Orcia, camminando sulla Via Francigena, attraverso suggestivi paesaggi si giunge al borgo termale di Bagno Vignoni.
Al centro del borgo si trova una vasca rettangolare, di origine cinquecentesca, che contiene una sorgente di acqua termale calda e fumante che esce dalla falda sotterranea di origini vulcaniche.

Fin dall’epoca degli etruschi e poi dei romani le terme di Bagno Vignoni sono state frequentate da illustri personaggi, come Papa Pio II, Santa Caterina da Siena, Lorenzo il Magnifico e tanti altri artisti che avevano eletto il borgo come sede di villeggiatura.
Da qui è previsto il ritorno a piedi a San Quirico. Chi volesse tornare indietro con un mezzo, per limitare la camminata a 6 km, dovrà provvedere a predisporre un proprio mezzo di trasporto a Bagno Vignoni .